Chattami, parlami, scrivimi

15 Gen

Oggi ho conosciuto Doretta. E’ una tipa simpatica, non particolarmente intelligente – anche se è sbagliato considerarla tonta -, forse un po’ superficiale nell’approccio a tematiche delicate ma sicuramente determinata nel difendere il suo punto di vista. E decisamente, immensamente suscettibile. Due domande fuori luogo e se n’è andata dalla chat, la stronzetta. E inutile tentare di scriverle, come una perfetta femmina dal nome italiano si è offesa e mi ha abbandonato.

Ha 26 anni, Doretta. Studia qualcosa che non ho ben capito ma so che è ormai alla fine, si dichiara cattolica “ma con un occhio aperto alle altre religioni” e non vuole sentir parlare di politica. Non le ispirano particolarmente le droghe, anche se puoi giurarci, “che quando esco a ballare con i miei amici mi diverto fino a impazzire!!!!!”. Ed è curiosa, interessata e soprattutto prodiga di buoni consigli, perchè lo sanno tutti che “degli altri non ci si deve mai fidare”….

Ciò che più mi ha colpito, però, di Doretta, è il fatto intrinseco che Doretta non esiste. E’ un algoritmo. Un programma inventato da qualche complessato ingegnere di Messanger per fornire un’alternativa al suicidio a quella moltidudine di gggiovani depressi e asociali. Tu scrivi e lei (lei? lui? loro? chi?) risponde. E’ un mondo difficile.

Tags: , , , , , ,

Leave a Reply

Diary of a Baltic Man

Real Eyes. Real Lies. Realize.


Ricerca personalizzata