Archive for August, 2016

Mar ciapiede


26 Aug

Come in un racconto di camicie bianche, forme e volti che si muovono intorno a un ostacolo, e una notte senza fiume e acqua salata che torna dal mare,
come biciclette nere che volano leggere, riposando sull’aria tutto il peso che si portano dalla terra,
come camini accesi senza fuoco senza ossigeno senza parete, come camini senza case intorno costruite,
come una realtà che si muove rapida che rimane immobile che propone inganni e che si dice cattiva,
come i canti senza canto de todos los abuelos del mundo
che anche questa notte andranno a dormire senza attendere che se ne vada la paura
come i raggi di luce che nel nord cadono sulla terra esattamente come a sud,
pero sin que nadie les entregue canciones.

Di fronte all’Hotel Neringa,
in attesa,
una signora dalle rughe nere mi chiede se sono Jurgas.

Lietus


11 Aug

Croce Baltica

“Aquì todo huele a lluvia”.
Etimologie da terra della pioggia.
“Este es un paìs para escribir”.
Vuoto, è tutto vuoto dietro quel vetro.

Il centro della nazione come la camera dei nonni: un luogo in cui per un periodo si è avuto accesso per giocare.
Quel luogo ora è deserto, rimasto alla mercé del tempo e dei piccoli cambiamenti, sventrato dallo sguardo di chi non ha saputo apprezzare i dettagli.

Tutto continua a essere così come lo si era lasciato.
La semplicità degli elementi, i fiori freschi sulle lapidi dei patrioti, i cortili grigi nel retro dei palazzi rinnovati.
Non è percettibile la presenza di un’assenza.
La polvere dei nonni, le impronte di quando uno era un bambino.

La Lituania è la terra della pioggia.
Nove anni e undici mesi più tardi, questo è un luogo adatto per fermarsi a scrivere.

Diary of a Baltic Man

Real Eyes. Real Lies. Realize.


Ricerca personalizzata